fbpx

I tre scenari post-elettorali della Spagna

Politica - Agosto 12, 2023

Il bipartitismo e la chiarezza hanno abbandonato da tempo la politica spagnola. Dal 2011, i vincitori delle elezioni generali non sono riusciti a raggiungere i 176 seggi congressuali necessari per formare un governo. Le elezioni anticipate di domenica 23 luglio 2023 sono un altro esempio di elezioni senza un chiaro vincitore. Tecnicamente, il Partito Popolare (PP, EEP) di centro-destra è il vincitore di questa tornata elettorale anticipata, in quanto ha ottenuto il maggior numero di seggi congressuali, 136 in totale. Tuttavia, anche con il sostegno dei 33 seggi del partito conservatore Vox (ECR), il PP non può raggiungere i 176 seggi necessari per formare un governo.

E allora? La sinistra sembra schierarsi dietro il primo ministro in carica Pedro Sánchez, ma per ottenere il numero di seggi necessario sarà necessario il sostegno dei partiti regionalisti e separatisti, e il kingmaker sembra essere il famigerato partito creato dal separatista catalano in fuga, Carles Puidgemont. C’è persino la possibilità che i cittadini spagnoli siano chiamati nuovamente alle urne nel corso dell’anno. Solo il tempo ci dirà il futuro politico della Spagna, ma nell’attesa è utile analizzare i possibili scenari dei prossimi mesi.

 

Improbabile: Feijoó e il Partito Popolare raggiungono la maggioranza assoluta

La crescita del PP al Congresso, con 47 seggi in più, e la conquista della maggioranza assoluta al Senato fanno presagire una vittoria della destra. Tuttavia, vincere le elezioni significherà poco se il leader del PP Alberto Nuñez Feijoó non riuscirà a raccogliere abbastanza seggi. Lontano dalle previsioni dei sondaggi, un blocco di destra formato da PP e Vox otterrebbe solo 169 seggi, sette in meno della maggioranza richiesta.

Di fronte a questa realtà, al candidato del PP restano due opzioni. In primo luogo, Feijoó, non avendo ottenuto la maggioranza assoluta nella prima votazione al Congresso, potrebbe chiedere l’astensione del PSOE nella seconda votazione. Questo secondo turno richiede solo una maggioranza semplice per ottenere la capacità di governare. Tuttavia, ciò è improbabile, poiché non solo la leadership del Partido Socialista Obrero (PSOE, S&D) ha espresso la sua indisponibilità a farlo, ma richiederebbe anche una consultazione con la militanza del partito e un voto favorevole.

La seconda opzione per Feijoó è quella di assicurarsi il sostegno dei partiti minori per raggiungere i 176 seggi congressuali necessari. Per farlo, dovrà convincere il Partito Nazionalista Basco (PNV, Rinnovare l’Europa) con i suoi 5 seggi, Coalición Canaria (CC) e Unión Pueblo Navarro (UPN) con un seggio ciascuno. In caso di successo, e solo con il sostegno dei 33 seggi di Vox, il PP sarebbe in grado di raggruppare il numero di seggi necessari per formare un governo. Tuttavia, il PNV ha già avvertito che non sosterrà un governo con la partecipazione di Vox. È improbabile che questa situazione cambi, vista la vicinanza delle elezioni autonome basche, in cui il PNV sta cercando di recuperare il terreno perduto nei confronti di EH Bildu. Inoltre, il CC ha espresso la sua riluttanza a formare un governo con Vox.

Probabile: La coalizione “Frankenstein” di Pedro Sánchez

Per quanto possa sembrare paradossale, nonostante non sia il partito più votato, il PSOE, partito di sinistra, ha probabilmente maggiori probabilità di assicurarsi il governo per i prossimi quattro anni. Come per la precedente legislatura, ciò richiederà una coalizione complicata e intricata che metta insieme interessi divergenti e spesso contraddittori. In primo luogo, avrà bisogno del sostegno del partito progressista Sumar, di recente formazione, che raggruppa 14 diversi partiti di estrema sinistra, tra cui Podemos (GUE/NGL). La complicità dimostrata dai candidati durante i dibattiti elettorali e le rassicurazioni durante i comizi suggeriscono che questo è un caso altamente probabile. Ma soprattutto, questo ammonterebbe a soli 153 seggi, richiedendo il seggio dei partiti separatisti e regionalisti.

Per ora, il Bloque Nacionalista Gallego (BNG) e il basco EH Bildu hanno già annunciato che non bloccheranno un governo guidato da Sanchéz. Con ancora 16 seggi in meno della maggioranza, Sánchez dovrebbe fare appello al suo ex membro della coalizione, il partito separatista Esquerra Republicana de Catalunya (ERC, Verdi). Tuttavia, come hanno avvertito, questo sostegno può essere assicurato solo se vengono concesse concessioni sulla questione catalana. In questo modo il blocco di sinistra otterrebbe 172 seggi, il che potrebbe consentirgli di formare un governo dopo un secondo voto positivo se Junts per Cataluña, con 7 seggi, si asterrà, diventando così il kingmaker di queste elezioni. Il partito separatista, già guidato dal fuggitivo Carles Puidgedemont, ha chiarito che “non faremo Pedro Sánchez presidente in cambio di nulla… la nostra priorità è la Catalogna, non la governabilità dello Stato spagnolo”. Tuttavia, sulla base delle precedenti legislature, Pedro Sánchez ha dimostrato di essere spietatamente pragmatico e di non temere la possibilità di cedere al separatismo catalano.

Molto probabilmente: Ripetizione delle elezioni

Il trionfo del PSOE in Catalogna e il declino dei partiti separatisti potrebbero suggerire che partiti come ERC, che collaborano con il governo, rischiano di perdere consensi – il partito ha perso oltre la metà dei suoi seggi – se entrano in coalizione con il PSOE. Questo potrebbe convincerli dell’inutilità di accettare concessioni a meno di un referendum, rendendo impossibile la creazione di una coalizione di sinistra.

Inoltre, i voti dei cittadini spagnoli residenti all’estero hanno dato un seggio in più al PP, portando i blocchi di destra e di sinistra a un pareggio, con 172 seggi ciascuno. Ora il partito di Puigdemont dovrà votare a favore del blocco di sinistra per avere successo, il che potrebbe essere molto più difficile di quanto sembri.

La mancata formazione di un governo da parte di entrambi i blocchi porterà all’inevitabile conclusione della necessità di ripetere le elezioni. Se le elezioni si ripeteranno, potrebbero portare a un rafforzamento del PP, come ha dimostrato l’aumento dei seggi del PP durante le elezioni del 2016, o almeno a mantenere la situazione attuale, come dimostrano i seggi del PSOE dopo le elezioni del 2019. In ogni caso, è troppo presto per prevedere uno di questi scenari.

Le prossime tappe

Quello che sappiamo è che per il momento non c’è nulla di definitivo. Allo stato attuale, lo scenario più probabile è che nessuno dei due blocchi riesca a ottenere la maggioranza necessaria per governare la Spagna nei prossimi quattro anni. Ma la cosa più preoccupante è che, se lo faranno, ciò potrebbe avvenire a costo di concedere concessioni chiave ai separatisti e di trascorrere altri quattro anni con una coalizione composta da partiti di estrema sinistra, tra cui un partito formato da ex membri del gruppo terroristico ETA. Ironia della sorte, il risultato più probabile – e probabilmente preferibile – sarebbe il ritorno alle urne.

This site is registered on wpml.org as a development site.