fbpx

Scatenare la battaglia reale: Un riassunto del primo dibattito delle primarie del GOP

Politica - Settembre 10, 2023

L’atmosfera che ha circondato il primo dibattito delle primarie del GOP è stata a dir poco elettrizzante. Mentre la gente affollava la sede del dibattito, un senso palpabile di eccitazione e di attesa riempiva l’aria. È stato come se l’intera nazione avesse trattenuto il fiato, in attesa di assistere alla creazione della storia. Il palcoscenico era pronto per uno scontro tra titani della politica, con otto candidati repubblicani in lizza per la nomination del loro partito. Questo è stato un momento che avrebbe indubbiamente segnato il corso delle elezioni presidenziali del 2024. O forse sì?

Un nome sembrava dominare sia la conversazione che la vistosa assenza dal palco: Donald Trump. La controversa decisione dell’ex presidente di non partecipare ha gettato un’ombra sui lavori, creando un insolito senso di tensione tra i candidati. Senza la figura di Trump con cui confrontarsi, i candidati sono stati costretti a navigare in acque inesplorate. Hanno dovuto trovare la propria voce e stabilire la propria presenza, riconoscendo al contempo l’elefante non presente nella stanza.

L’assenza di Trump ha fatto sì che le sue politiche e la sua eredità incombessero sul dibattito. Ogni candidato ha sentito il bisogno di affrontare il fattore Trump, allineandosi alle sue politiche o prendendo le distanze dalle sue decisioni controverse. Questo ha portato a una dinamica affascinante in cui gli altri candidati si sono trovati a discutere di Trump più di quanto avrebbero potuto prevedere. Si è trattato di un delicato gioco di equilibri, con ogni candidato che ha cercato di fare appello alla grande base di sostenitori di Trump, ma anche di rivolgersi a un pubblico più ampio. L’impatto dell’assenza di Trump si è riverberato in tutto il dibattito, modellando il tono generale e la direzione della discussione.

Tra i diversi candidati che sono saliti sul palco, solo tre sono riusciti a presentarsi come se avessero davvero una possibilità di vincere la nomination. Ognuno ha portato la propria prospettiva, il proprio background e le proprie posizioni politiche.

In primo luogo, abbiamo il governatore della Florida Ron DeSantis, un repubblicano al primo mandato che si è candidato sulla base di una piattaforma di riduzione delle tasse, di un governo più piccolo e di crescita economica. Ritiene che la riduzione delle tasse e dei regolamenti favorirà la creazione di posti di lavoro per tutti gli abitanti della Florida. A tal fine, ha proposto una serie di sgravi fiscali e incentivi per stimolare la crescita delle piccole imprese. Ma è stato anche detto che le sue politiche potrebbero portare a deficit di bilancio in futuro. Inoltre, De Santis sostiene la scelta scolastica e l’ampliamento dell’accesso alle scuole charter e si è anche espresso a favore di un maggiore investimento nella formazione professionale per gli studenti delle scuole superiori. È anche fortemente impegnato sul fronte dell’ambiente e insiste sul fatto che qualsiasi nuovo progetto infrastrutturale debba includere misure per preservare le risorse naturali. Infine, il governatore De Santis è stato criticato per la sua gestione della COVID-19 nello Stato, in particolare per la sua decisione di riaprire le aziende troppo rapidamente e per il suo rifiuto di implementare un obbligo di maschera in tutto lo Stato. Resta da vedere come questo influirà sulla sua popolarità. Nonostante le critiche, il governatore De Santis ha dimostrato di essere un leader efficace per la Florida e probabilmente rimarrà popolare tra i residenti nei prossimi anni. Tutto sommato il governatore DeSantis rimane il principale contendente di Donald Trump per la nomination repubblicana, ma non è ancora riuscito a convincere un ampio pubblico della sua validità. La sua performance al dibattito è stata discutibile, addirittura considerata debole da alcune voci. Sicuramente non ha aiutato il fatto che la sua strategia sia trapelata alla stampa prima dell’evento o che sia apparso sul palco come un bersaglio succulento per i suoi rivali.

Il prossimo è l’ex vicepresidente Mike Pence. Come Trump, Pence è stato un convinto conservatore e un forte oppositore del matrimonio omosessuale e dei diritti all’aborto, ma è stato più diplomatico nel suo approccio alla politica. Durante il suo mandato, si è adoperato per ridurre i fondi a Planned Parenthood e ai centri di assistenza sanitaria per le donne e ha sostenuto le “leggi sulla libertà religiosa” del Paese, che offrono protezione legale a coloro che si oppongono ai diritti LGBT. Si è inoltre opposto con forza all’Affordable Care Act del Presidente Obama e ha spinto per l’approvazione del Religious Freedom Restoration Act, che avrebbe permesso ai datori di lavoro di citare le credenze religiose per negare servizi in conflitto con tali credenze. La principale controversia su questo particolare candidato è stata il suo rifiuto di partecipare al ribaltamento dei risultati delle elezioni presidenziali del 2020. Questo lo ha portato a essere etichettato come traditore dalla maggioranza degli appassionati di Trump e difficilmente riuscirà a ricucire i rapporti con il suo ex capo in tempi brevi. Anche se un candidato dovesse vincere la nomination, senza il sostegno dell’enorme base di elettori di Trump, sarebbe altamente improbabile che abbia una possibilità di vincere le elezioni. Questo fatto da solo rende il signor Pence un improbabile futuro candidato alla presidenza.

La sorpresa della serata è arrivata dall’outsider Vivek Ramaswamy. È un imprenditore, filantropo e investitore che ha costruito una piattaforma sul miglioramento dell’accesso all’assistenza sanitaria, sulle opportunità economiche, sulla riforma dell’istruzione e sui diritti civili, ma anche sulla sua opposizione a sostenere i finanziamenti per la guerra in Ucraina e sul suo impegno a rendere più snello il governo degli Stati Uniti. Ramaswamy parla di un futuro in cui gli americani hanno accesso alla migliore assistenza sanitaria, ai più alti standard educativi e ai più diversi diritti civili. È determinato a fare in modo che queste siano disponibili per tutti i cittadini, indipendentemente dal loro background o dal loro codice postale. Ha parlato della sua iniziativa di creare nuovi posti di lavoro attraverso partenariati pubblico-privati, di riformare il sistema educativo americano in modo che tutti abbiano le stesse possibilità di successo e di aumentare l’accesso alle cure mediche. Inoltre, Vivek si è schierato con decisione contro la spesa pubblica, in particolare nel settore militare. Ha promesso di tagliare i fondi per la guerra in Ucraina e di ridurre la spesa federale complessiva fino al 75%. Questa mossa libererebbe più denaro per altri programmi importanti come l’istruzione e la sanità. Ha inoltre proposto di investire in nuove tecnologie e fonti energetiche verdi per creare posti di lavoro e ridurre l’inquinamento. Ramaswamy ha anche spinto per la riforma del sistema di giustizia penale americano, con particolare attenzione all’eliminazione del profiling razziale da parte degli agenti di polizia. Vuole garantire che tutti i cittadini abbiano accesso all’assistenza legale, indipendentemente dalla loro situazione economica. A tal fine, egli chiede l’istituzione di una commissione di controllo indipendente per esaminare le pratiche della polizia e garantire il rispetto dei diritti costituzionali. Ha anche chiesto una maggiore supervisione civile del sistema carcerario, per garantire che i detenuti siano trattati in modo umano e abbiano accesso a migliori programmi educativi e di riabilitazione. I suoi piani includono l’introduzione di riforme come l’estensione del diritto di voto per i criminali che hanno scontato la pena, la riduzione delle pene minime obbligatorie, l’incentivazione della riabilitazione anziché dell’incarcerazione e la fine delle carceri private. Egli ritiene che tutti i cittadini debbano avere pari accesso alla giustizia e queste riforme sono il suo modo di raggiungere questo obiettivo. È impegnato a creare un sistema di giustizia penale più equo per tutti coloro che vi sono coinvolti, dalle vittime agli agenti di polizia, dagli indagati ai detenuti.

Durante il dibattito, Ramaswamy si è creato un’ondata di simpatia difendendo strenuamente Donald Trump, arrivando a definirlo “il miglior presidente del XXI secolo”, e si è inquadrato come una versione più giovane e dinamica dell’ex presidente, una strategia che finora sembra dare i suoi frutti. Probabilmente si può dire che è il vincitore del primo dibattito delle primarie del GOP, anche se con un piccolo margine. Tuttavia, alcune delle sue opinioni più radicali saranno probabilmente difficili da gestire nel corso della campagna elettorale e la sua mancanza di esperienza potrebbe rivelarsi un problema. Nonostante questi problemi, Ramaswamy si è fatto notare dal pubblico votante e si è presentato come un uomo dalle forti convinzioni e che non ha paura di esprimere la propria opinione. Ha anche definito il suo programma politico “America First 2.0”. Se tutto questo vi suona familiare, probabilmente non è un caso.

Durante il dibattito sono saliti sul palco altri cinque potenziali candidati, ma nessuno di loro è riuscito a convincere una percentuale significativa del pubblico di avere una possibilità di vincere la nomination. L’ex governatore del New Jersey Chris Christie ha mantenuto la linea della sua strategia apparentemente perdente, ovvero quella di scagliarsi continuamente contro Donald Trump, venendo “fischiato” più volte. L’ex governatore della Carolina del Sud Nikki Haley, benché esuberante, non ha avuto il carisma necessario per ottenere punti sostanziali con il pubblico. Gli altri candidati, il senatore Tim Scott, il governatore del North Dakota Doug Burgum, l’ex governatore dell’Arkansas Asa Hutchinson, erano insipidi e avrebbero potuto benissimo non essere presenti.

Il primo dibattito delle primarie del GOP è stato solo l’inizio di quello che si preannuncia come un viaggio emozionante e imprevedibile verso le elezioni presidenziali del 2024. Il Presidente Joe Biden ha già chiarito di essere l’uomo da battere, ma i suoi avversari non si arrendono senza combattere.

Sebbene il primo dibattito del GOP sia stato infuocato, sembra ancora che l’ex presidente degli Stati Uniti Donald Trump, figura controversa durante il suo mandato quadriennale, sia il più probabile futuro candidato alla presidenza. I recenti sondaggi lo mostrano con oltre 20 punti di vantaggio sul candidato più vicino, il governatore Ron DeSantis, e con un energico outsider, Vivek Ramaswamy, che si sta avvicinando e combatte duramente. Naturalmente è troppo presto per pronosticare un vincitore, ma possiamo sicuramente dire che queste primarie saranno tutt’altro che noiose.

 

This site is registered on wpml.org as a development site.